Food e comunicazione, nuove strategie per la Centrale del Latte di Alessandria e Asti

Lug 21, 2015

Centrale del Latte di Alessandria e Asti, Società per Azioni che nell’ultimo esercizio ha realizzato oltre 30 milioni di euro di ricavi netti e che si fonda su una filiera corta e sostenibile per il latte fresco (12 cascine nel giro di 25 km da Alessandria) e su un paniere sempre più ricco di prodotti alimentari (oltre 400).

Con il sostegno di Amapola la Centrale piemontese, nei mesi scorsi, ha rinnovato la sua identità di marca e oggi guarda a nuove sfide. Una su tutte l’Expo di Milano.

Il latte fresco e gli altri prodotti della Centrale sono protagonisti all’Esposizione Universale di Milano 2015 attraverso la partecipazione a Identità Expo, un temporary restaurant in cui cuochi stellati provenienti da tutto il mondo si alternano, proponendo le loro creazioni di eccellenza. Grazie a un’importante partnership per tutta la durata di Expo la Centrale alessandrina fornirà loro il latte, la panna e il burro, godendo di un’occasione unica di visibilità nazionale e internazionale.

Amapola sta affiancando la Centrale del Latte anche in un’altra importante novità per il Gruppo: il lancio del rinnovato marchio del Latte ‘MU’ sul mercato di Savona e provincia, dove l’azienda detiene una posizione di leadership.

Il rapporto tra la Centrale piemontese e la Liguria è consolidato e risale al 2011, quando la Centrale di Alessandria e Asti ha preso in gestione il marchio della Centrale di Savona, avanzando sin da subito la proposta di acquisto. Questa operazione si è concretizzata ufficialmente lo scorso 1 Luglio.

Ora il Latte MU si presenta con una nuova identità di marca, in linea con quella che recentemente è stata apprezzata ad Alessandria, Asti e Pavia. Amapola, avvalendosi dell’art direction di Tomaso Serloreti, ha coordinato il rinnovo di logo, marchio e packaging, per raccontare al meglio cosa “sta dietro” a una bottiglia di latte della Centrale.

La collaborazione con la Centrale del Latte di Alessandria e Asti riassume bene i valori e le buone pratiche a cui Amapola si ispira: comunicare la sostenibilità vuol dire attribuire valore alle dimensioni economiche, sociali e ambientali delle organizzazioni, interagire con gli stakeholder in modo da ascoltarli, comprenderli e soddisfarli, ma allo stesso tempo responsabilizzarli per consolidare un rapporto di partnership e fiducia.

Continuando a utilizzare il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Leggi la Private Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close