Presentata ad Alessandria la ricerca di CSRPiemonte che evidenzia segnali positivi e criticità da superare.

All’interno delle attività del progetto CSRPiemonte, Regione Piemonte e Unioncamere Piemonte, con la Camera di commercio di Alessandria, hanno organizzato lo scorso 27 giugno, ad Alessandria, un workshop per le imprese, nel corso del quale sono stati condivisi i principali risultati dell’indagine sulla responsabilità sociale d’impresa condotta tra 2646 aziende piemontesi e le buone prassi in materia di CSR.
Come spiegato da Grace De Girolamo di CSRPiemonte, 1 impresa su 2, delle oltre 2600 monitorate in Piemonte, ha dichiarato di investire in azioni di CSR. Le azioni principali riguardano welfare aziendale e ambiente.

La totalità delle imprese intervistate (93,6{f94e4705dd4b92c5eea9efac2f517841c0e94ef186bd3a34efec40b3a1787622}) ha espresso una volontà di continuità rispetto alle iniziative di CSR già avviate, mentre un terzo di esse ha dichiarato di volerne intraprendere di nuove a breve.
L’ostacolo principale alla CSR risulta la carenza di risorse economiche aziendali, seguito dalla mancanza di incentivi fiscali. Poco meno di una impresa su tre viene frenata dall’assenza di ritorni immediati, mentre il 20,8{f94e4705dd4b92c5eea9efac2f517841c0e94ef186bd3a34efec40b3a1787622} lamenta la mancanza di una cultura manageriale interna adeguata. Quest’ultimo dato evidenzia la necessità che la CSR venga condivisa e ispirata dai vertici, affinché sia vissuta come reale elemento di strategia aziendale.

Dai dati raccolti è emerso anche che le aziende che investono in CSR sono più facilmente inserite in reti collaborative.

Proprio l’interessante tema delle reti di imprese è stato trattato da Walter Sancassiani di FocusLab, durante il laboratorio. Sancassiani ha portato l’esperienza avviata in Emilia Romagna con decine di reti di imprese e associazioni fatte nascere e oggi capaci di co-progettare su temi quali welfare aziendale, green innovation, reporting.

La seconda parte del laboratorio è stata dedicata alle testimonianze di imprese del territorio.
Anna Ravera di Aps, Simonetta Zaccara del Gruppo AMAG, Filippo Zaio della Centrale del Latte di Alessandria e Asti e Alfio Rebuffo di Michelin Alessandria, hanno raccontato il loro impegno nella Csr.

Le conclusioni sono state affidate a Sergio Vazzoler di Amapola che, alla luce di quanto emerso dalla ricerca, ha sottolineato come cultura, formazione e valorizzazione della CSR siano le azioni indispensabili per vincere la sfida del presente: costruire reti solide e solidali tra imprese e associazioni, per generare sviluppo e creare bene comune.