A Budoni (Sardegna) per valorizzare i fondali marini

Set 24, 2014

Amapola ha affiancato Golder Associates nella realizzazione di un’importante indagine ambientale nelle acque marine di Budoni, una bellissima località della Sardegna nord-orientale. L’incarico è stato affidato dal Comune di Budoni con un duplice obiettivo: da una parte, individuare le zone marine di maggiore pregio ambientale, e quindi di potenziale attrattiva turistica; dall’altra censire le specie protette e gli habitat prioritari per supportare la candidatura dei fondali di Budoni a far parte dell’Area Marina Protetta (AMP) di Tavolara-Punta Coda Cavallo.

Lo studio realizzato ha fatto emergere caratteristiche davvero interessanti, come gli affioramenti rocciosi profondi – probabili beach rock (spiagge fossili) – riccamente colonizzate da bellissime specie animali, la straordinaria presenza di Pinna nobilis (la cosiddetta “nacchera”, il più grande mollusco del Mediterraneo), gli ambienti profondi ricchi di specie e colori (il coralligeno di Budoni), un esteso e peculiare posidonieto, l’esistenza di siti archeologici sommersi, l’abbondanza di specie protette, la bellezza degli stagni costieri, ricchi di fauna e di flora. Gli scogli dei Pedrami, in particolare, costituiscono l’area di maggior pregio naturalistico e storico/archeologico della zona e potrebbero prestarsi a diverse attività di valorizzazione e comunicazione.

Proprio su questo fronte, Amapola ha integrato il lavoro Golder con un piano ad hoc, ricco di suggerimenti operativi per lo sviluppo naturalistico e turistico della zona. Tra le prime attività realizzate c’è il pannello “Cosa c’è sotto”, che illustra le caratteristiche dei fondali di Budoni e fornisce ai turisti indicazioni di massima su quali sono e dove sono ubicate le principali attrattive.

Amapola e Golder sono impegnate a incoraggiare la valorizzazione dei fondali marini come risorsa da salvaguardare e promuovere. Il lavoro svolto a Budoni è stato molto apprezzato e sono previste ulteriori integrazioni nella stessa località e analoghi interventi in altri Comuni della Regione.

Continuando a utilizzare il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Leggi la Private Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close