“Video, video, video!”

Lug 6, 2016

Nelle ultime settimane si sono intensificati i titoli che annunciano come le grandi imprese innovative stiano puntando sempre più sul video, con nuovi prodotti e servizi che lo pongono al centro dei piani di business.

Se dovessi fare una scommessa direi: video, video, video“, ha dichiarato Nicola Mendelsohn, vice presidente Facebook per Europa, Medio Oriente e Africa (EMEA) alla platea del summit londinese della rivista Fortune – “Il miglior modo per raccontare una storia ai tempi d’oggi è il video, fornisce molte informazioni in pochissimo tempo“: tra cinque anni probabilmente Facebook sarà solo video, secondo una previsione corredata da numeri da boom e dall’osservazione empirica delle bacheche degli utenti, dove c’è sempre meno testo scritto. Negli ultimi 12 mesi, infatti, le visualizzazioni quotidiane dei video su Facebook sono passate da 1 a 8 miliardi grazie anche al lancio delle dirette streaming di FB LIVE.

Lo stesso Mark Zuckerberg pochi mesi fa a Berlino, ha dichiarato come i video siano la funzione che più lo interessa, soprattutto quelli live, addirittura quasi un’”ossessione“, a giudicare da come il team ingegneri di Facebook ci si è dedicato.

Anche le ricerche più recenti confermano, dati alla mano, questa tendenza: secondo la Cisco Visual Networking Index uscita in giugno, in Italia nel 2020 la popolazione connessa a Internet supererà i 42 milioni di persone, portando la penetrazione dal 64% del 2015 al 71%; nel mondo ci saranno oltre 4 miliardi di persone connesse a Internet da mobile e fisso, con un traffico dati che triplicherà rispetto a quello attuale. Tutta questa memoria conterrà per la maggior parte file in formato video, che nel 2020 rappresenteranno l’82% dell’intero traffico in Rete: i servizi e i contenuti video si confermano le applicazioni dominanti rispetto a tutte le altre, su cui tutte le aziende più all’avanguardia – dal B2B all’entertainment – hanno iniziato a puntare.

La crescita globale del traffico Internet, infatti, sarà fortemente trainata dai video: i consumi aumenteranno di quattro volte – nel mondo come anche in Italia – e rappresenteranno nel 2020 l’82% del traffico ‘consumer’ (nel 2015 era il 68%). Il traffico generato dalla realtà virtuale è quadruplicato negli scorsi anni e crescerà di 61 volte entro il 2020.

Ecco perché l’importanza del video è in crescita esponenziale e perché uno degli impegni più chiari di Amapola è quello di sensibilizzare e supportare le aziende: il video sta velocemente diventando il metodo privilegiato per raccogliere informazioni, intrattenersi e comunicare!

Continuando a utilizzare il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Leggi la Private Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close